Vai ai contenuti

La Consulenza alla Coppia

LA CONSULENZA ALLA COPPIA

La consulenza alla coppia: quando può servire?


L'incontro con il partner non avviene mai per caso, ognuno di noi  ricerca inconsciamente una persona che corrisponde a certe caratteristiche che vanno a compensare delle mancanze e a soddisfare dei bisogni..

La coppia può essere uno "spazio relazionale" di crescita, poiché le persone che la compongono fondano la loro unione sulla base della reciprocità. In questo tipo di coppia  entrambi i partner hanno raggiuntola fase di individuazione-separazione, vale a dire sono maturi e autonomi  e affrontano l'incontro con l'altro per giungere ad una progettualità condivisa. La relazione di coppia, come tutte le relazioni, ha bisogno di essere stimolata e nutrita, per durare nel tempo. Quest'ultimo si presenta come una variabile difficile da gestire; il percorso evolutivo che ognuno di noi è continuamente chiamato ad affrontare può portare la coppia a ritrovarsi come "una coppia di estranei". Il "rincontrarsi" può essere facilitato in uno spazio "altro" (specialistico) in cui è possibile avere una lettura della storia della coppia e delle dinamiche  che hanno portato all'allontanamento dei partner. La consulenza può fornire una nuova possibilità e una nuova  motivazione ai partner che si possono riscoprire "come coppia rinnovata".

Le coppie ad "incastro" che impostano il rapporto in modo asimmetrico sono, invece, funzionali a non far crescere l'individuo. La complementarietà ad esempio, è la caratteristica di alcune coppie, in cui l'uno delega all'altro la gestione di quelle azioni che non ama affrontare; entrambi evitano, così, di confrontarsi su alcuni aspetti della realtà e delle responsabilità da cui fuggono. In questo modo, però, la coppia non cresce, non evolve, tuttavia può vivere felicemente, fino a che uno dei due non interrompe quel meccanismo a incastro funzionale.

Poi ci sono le coppie competitive, in esse ognuno cerca di prevalere sull'altra parte in una continua ricerca di primeggiare e di aumentare la propria autostima a scapito del partner. (Dinamiche di coppia nel film" Chi ha paura di Virginia Wolf?").

Il passaggio dalla metacomunicazione alla comunicazione, esente da doppi messaggi, da paradossi, permette allo psicologo di restituire alla coppia in crisi la possibilità di sperimentare "la coppia come spazio di crescita e di confronto".

Aut.sanit.n°66 del 21-05-2003
P.I.08501381001
Torna ai contenuti