Vai ai contenuti

Dipendenza da Shopping

DIPENDENZA DA SHOPPING

Dipendenza da Shopping


  Storicamente i ricercatori e i clinici limitavano il concetto di dipendenza (addiction) ad alcol e droghe. Attualmente la comunità scientifica è quasi unanime nel considerare l'addiction essenzialmente "un problema della mente, una condizione causata da cambiamenti persistenti nelle strutture e nelle funzioni mentali" (Leshner, 2001).  Sia una sostanza chimica che un'esperienza emotiva possono essere così gratificanti da instaurare relazioni disfunzionali di dipendenza.

  I comportamenti compulsivi, divengono abituali e funzionali sostituti che soddisfano una vasta gama di essenziali bisogno umani. Trascorrere molto tempo in negozi e grandi magazzini, fare acquisti, comperare cose per sè, per gli altri, per scegliere "come presentarsi al mondo" costituiscono una dimensione quotidiana, profondamente radicata nella vita e nell'immaginario collettivo.

   Ma qual è il profilo del paziente dipendente da un comportamento senza il quale sembra non riuscire  a vivere e mediare le proprie esperienze emotive? Perché alcuni comportamenti divengono sintomatici e acquistano quel carattere di "rapitore" dello spazio mentale del soggetto?

 Alcune immediate risposte concernono l'anestetizzazione di sensazioni e vissuti dolorosi, impliciti nelle relazioni, al fine di sbarazzarsi di sentimenti ingombranti e di proteggere l'immagine di Sé, l'Io fragile e sempre a rischio abbandonico.

Nell'esperienza emotiva dello shopping, gli individui si diversificano nel grado in cui descrivono l'impulso a comprare come fonte di eccitazione personale, di piacere e rilassamento. Alcuni affermano di sentirsi hight durante il comportamento; lo dipingono come qualcosa di "eccitante" di "pazzo", che dà un brivido, il cosiddetto thrilling o buzz....."E' come fare l'amore con il prodotto......"Alcuni soggetti interrogati sulle sensazioni corporee, hanno parlato di "vibrazioni" di "calore", "vampate" ed energia che si diffonde.

  L'organizzazione della personalità sottesa tale disturbo, in base al livello di gravità,  può essere di diversa natura. Ogni caso è un caso da accogliere in modo unico. L'intervento terapeutico è complesso ma può dare buoni risultati. Sotto questo disturbo c'è un dolore, la bassa autostima e la mancanza di rispetto di sé una storia che chiede di essere risignificata.


Aut.sanit.n°66 del 21-05-2003
P.I.08501381001
Torna ai contenuti