Vai ai contenuti

Le Dipendenze Tecnologiche

LE DIPENDENZE TECNOLOGICHE

Le Dipendenze Tecnologiche


Il rapporto tra l'uomo e la tecnologia  nell'epoca attuale diviene ogni giorno più spesso, complesso e articolato. Modifica lo stile di vita, il comportamento, il modo di sentire e di pensare; influenza le scelte dei singoli e della collettività ed è da ritenere il più importante fattore di mutamento, sociale, culturale e psicologico.  In un  senso generale siamo diventati tutti, nostro malgrado, tecnodipendenti  in quanto nessuno oggi può fare a meno di strumenti e apparecchiature tecnologiche che si distribuiscono lungo una scala molto vasta che va dalle attività domestiche, a quelle lavorativo, scientifiche e culturali.

Le tecnologie avanzate, dunque, mostrano un tropismo psichico sempre più elevato, simulano la mente e i suoi processi; a volte, come nel caso del computer e di Internet, funzionano come estensioni del Sé, altre volte tendono a modificare  in modo rilevante lo stato della mente, la condizione della coscienza, oppure diventano una fonte privilegiata di emozioni e sensazioni appaganti se pur scaturita da dimensioni del tutto simulatorie e virtuali.

Il virtuale come droga? Il fascino a volte violento che le esperienze di Internet e di realtà virtuale, esercitano sull'apparato psichico presenta non pochi punti comuni con le situazioni di tossicodipendenza.  Come il tossicomane nella fase iniziale di "luna di miele" con la sostanza scopre l'emozione rivelatrice dell'esistenza dell'accesso a mondi sensoriali straordinari e appaganti, e quindi intuisce la plausibilità di restituire senso nuovo agli oggetti di relazione , in modo analogo i consumatori di esperienze virtuali scoprono la possibilità di ingresso in un mondo spesso altamente gratificante rispetto ai loro bisogni.

A parte i casi più clamorosi non è rara la segnalazione della comparsa, per periodi transitori di comportamenti maladattivi o francamente compulsivi  in soggetti che ,iniziando  a familiarizzare con la rete, ne scoprono alcune potenzialità e ne rimangono catturati in modo estremo, tanto da sacrificare ore di sonno, notturno o anche impegni e relazioni significative, con conseguenze molto negative sulla loro vita.  Tali condizioni di short addiction tendono a risolversi spontaneamente e vengono poi criticate dal soggetto che le ha vissute. evidenziando, però, una sorta di vulnerabilità additiva che viene slatentizzata dal contatto con il cyberspazio.

Il gioco d'azzardo compulsivo on line; dipendenza da cybersesso; dipendenza da cyber relazioni; dipendenza da eccessive informazioni (information overload); shopping on line compulsivo, sono solo alcune delle dipendenze  dell'ultima generazione.

Per ogni tipo di dipendenza è possibile intervenire con la psicoterapia, un viaggio anch'essa ma nella propria interiorità che permette di ri-trovare l'armonia attivando risorse per qualche motivo sopite.




Aut.sanit.n°66 del 21-05-2003
P.I.08501381001
Torna ai contenuti